Nessuno è tanto sprezzante, violento, aggressivo e prepotente nei confronti delle donne quanto un uomo insicuro della propria virilità.

Simone de Beauvoir

Annunci

Le case


Le case trasmettono molto più di quello che i loro proprietari possano dire. Trasmettono l’angoscia o la felicità di un nucleo familiare. Trasmettono la vita che rifiorisce da ogni angolo o rimandano ad un suo ricordo perduto per sempre.

Le case sono degli “organismi viventi” che “parlano”, parlano anche in nostra assenza. Parlano della nostra assenza.

 

 

I cento passi


Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima; e ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione, ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.

Peppino Impastato

 

Lettere e lettere


Scrivimi
quando non sai cosa fare
scrivimi quando piove
scrivimi anche quando stai in riva al mare
dimmi con poche parole chiare
cosa ti apre dentro il vento
cosa disegna sulla tua faccia
scrivimi tutto quello che ti passa
e mandami un bacio
tra una parola scritta e l’altra scrivimi
scrivimi appena hai un attimo
scrivimi di te
che possa trovarti
dentro il nocciolo del mio tempo
in un guscio minuscolo
che nasci in te e in me
come fosse un unico albero.

Fernanda Ferraresso

denim-and-chocolate:

January … New beginnings

 

 

 

 

“Il signor cravatta”


Distribuì le poche briciole avanzate davanti ai piccioni che si erano radunati intorno a noi agitando le ali. Battè i piedi. Si allontanarono svolazzando. Tornarono con il collo gonfio. Avevano dimenticato che li aveva appena cacciati. Poveri animali, mormorò. Dev’essere brutto. Senza memoria. Ma forse non così brutto come si pensa. Voglio dire. Se dimenticassimo tutto. Non perdoneremmo tutto? A noi stessi e agli altri? Non saremmo liberi da colpa e pentimento? Un crepitio elettrico, si strofinò con la manica una macchia invisibile sui pantaloni.  No, non è vero, sarebbe troppo facile.  Per perdonare,  per essere davvero liberi, bisogna ricordare, giorno per giorno.”
   Milena Michiko Flasar


photographer: Andrey Rublevik

“Il quadro mai dipinto“


Ripiegò il cuore e lo mise via, come si fa con un portafogli vuoto da cui non puoi più prelevare niente.
D’ improvviso gli cadde in terra, come un’extrasistole selvaggia e si sbrigò a raccogliere tutti i pezzi per paura che qualcuno ci si avventasse e li mangiasse con quella crudeltà che polverizza e dilania i buoni sentimenti.
Era bravo a far questo, fin da bambino.
Assurdamente i pezzi li ritrovò e lo ricollocò nell’insenatura da cui era caduto.
Dall’esterno sembrava un cuore normale, di tutto rispetto, ma non batteva più.”

Massimo Bisotti

occhietti:

“Dimmi, qualche volta non ti vola via il cuore?”  - C. Baudelaire