Non ho mai amato le cose grandiose


Non ho mai amato le cose grandiose, le luci accecanti, i bagni di folla. La vita per me deve essere semplice, darti calore. Io sto bene in un posto se posso chiudere gli occhi, stare in silenzio e sentirmi a mio agio così, semplicemente serena.”

Simona Barè Neighbors

Annunci

Generazione 2.0


Ci chiamano a volte la generazione 2.0. Credo invece che siamo la generazione che ha appiattito tutto, quella che è riuscita a distruggere il senso di ogni cosa: del rispetto, dei valori, della vita. Il senso dell’amore, relegato ormai a parole vuote che anonimi schermi pronunciano a vicenda, facendo da paravento ad anime perse e disperse. Parole da spargere qua e là, consumando vite in storie e storie in vuoti a perdere.Amori condensati in parole che durano il tempo di uno scroll, di un F5, di uno screen.
Alle nuove generazioni e a quelle future: perdonateci, pensavamo di sapere tutto e invece non abbiamo capito un cazzo.

Elisabetta Barbara De Sanctis

Brindisi


Brindo alla contraddizione

alla scelta sbagliata, all’incoerenza

al mio sguardo smarrito

seduto al banco dell’assurdo

mentre vomiti l’ennesima lezione

di Sicurezza della Vita

e solo dio sa la paura

che mi fanno quelli come te

che non si perdono mai

tra le parole, per strada

negli occhi di un altro,

il bisturi è affilato

i tuoi morti sono nell’aula

silenziosi, io

cerco solo meraviglia.

 Sonia Lambertini

L’anima Nuda


Ti do per quello che sono
per quello che posso
per quello che ho,
forte fragile determinata
timida e coraggiosa
passionale fino in fondo
misteriosa e lunatica.
Ti offro quello che c’è,
semplicemente la mia anima
spoglia di ogni ipocrisia,
colma di sogni e speranze
di sincerità di chi ti ama
di fiducia di chi in te crede
e tante pagine bianche
dove scrivere di noi.
Quello che ti offro
è una parte di “me”
per una parte di “te”.

Silvana Stremiz