L’anno che verrà.


Indovinami, indovino,
tu che leggi nel destino:
l’anno nuovo come sarà?
Bello, brutto o metà e metà?
Trovo stampato nei miei libroni
che avrà di certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un carnevale e un ferragosto,
e il giorno dopo il lunedì
sarà sempre un martedì.
Di più per ora scritto non trovo
nel destino dell’anno nuovo:
per il resto anche quest’anno
sarà come gli uomini lo faranno.

Gianni Rodari

Anima.


“Non si può, senza conseguenze,
mostrarsi ogni giorno diversi da quello che ci si sente:
sacrificarsi per ciò che non si ama,
rallegrarsi di ciò che ci rende infelici…
La nostra anima occupa un posto nello spazio
e sta dentro di noi…
Non si può impunemente violentarla all’infinito.”

Boris Pasternak

dreams-in-my-sky:

Rene Magritte, Black Magic, 1934

Rene Magritte, Black Magic

Quasi…


Ancor peggio della convinzione del no, l’incertezza del forse è la disillusione di un”quasi”. E’ il quasi che mi disturba, che mi intristisce, che mi ammazza portando tutto quello che poteva essere stato e non è stato. Chi ha quasi vinto gioca ancora, Chi è quasi passato studia ancora, Chi è quasi morto è vivo, Chi ha quasi amato non ha amato. Basta pensare alle opportunità che sono scappate tra le dita, alle opportunità che si perdono per paura, alle idee che non usciranno mai dalla carta per questa maledetta mania di vivere in autunno. Mi chiedo, a volte, cosa ci porta a scegliere una vita piatta; o meglio, non mi chiedo, contesto. La risposta la so a memoria, è stampata nella distanza e freddezza dei sorrisi, nella debolezza degli abbracci, nell’indifferenza dei “buongiorno” quasi sussurrati. Avanza vigliaccheria e manca coraggio perfino per essere felice. La passione brucia, l’amore fa impazzire, il desiderio tradisce. Forse questi possono essere motivi per decidere tra allegria e dolore, sentire il niente, ma non lo sono. Se la virtù stesse proprio nei mezzi termini, il mare non avrebbe le onde, i giorni sarebbero nuvolosi e l’arcobaleno in toni di grigio. Il niente non illumina, non ispira, non affligge, nè calma, amplia solamente il vuoto che ognuno porta dentro di sè. Non è che la fede muova le montagne, nè che tutte le stelle siano raggiungibili, per le cose che non possono essere cambiate ci resta solamente la pazienza, però, preferire la sconfitta anticipata al dubbio della vittoria è sprecare l’opportunità di meritare. Per gli errori esiste perdono; per gli insuccessi, opportunità; per gli amori impossibili, tempo. A niente serve assediare un cuore vuoto o risparmiare l’anima. Un romanzo la cui fine è istantanea o indolore non è un romanzo. Non lasciare che la nostalgia soffochi, che la routine ti abitui, che la paura ti impedisca di tentare. Dubita del destino e credi a te stesso. Spreca più ore realizzando piuttosto che sognando, facendo piuttosto che pianificando, vivendo piuttosto che aspettando perchè, già che chi quasi muore è vivo, chi quasi vive è già morto!

LUÍS FERNANDO VERÍSSIMO

Una lettera alla sorella Lina


Quando tu riesci a non aver più un ideale,
perché osservando la vita sembra un enorme pupazzata,
senza nesso, senza spiegazione mai;
quando tu non hai più un sentimento,
perché sei riuscito a non stimare,
a non curare più gli uomini e le cose,
e ti manca perciò l’abitudine, che non trovi,
e l’occupazione, che sdegni
– quando tu, in una parola, vivrai senza la vita,
penserai senza un pensiero,
sentirai senza cuore –
allora tu non saprai che fare:
sarai un viandante senza casa,
un uccello senza nido.
Io sono così.

Luigi Pirandello