San Valentino


Dicono che l’amore vince su tutto e che “nessuno può dividere ciò che Dio ha unito”. Dicono tante cose sull’amore, quello vero.
Che si festeggia ogni giorno, che quando lo trovi, l’Amore, lo riconosci subito e che questo puro sentimento, senza rispetto, non funziona.
Ed è proprio così, che senso ha, amarsi ogni giorno, sopportarsi, se poi, in fondo, non ci si rispetta?
Dunque, cari uomini, per la festa degli innamorati, niente fiori, niente cioccolatini, niente gioielli, niente cenette romantiche a lume di candela, niente viaggi, niente di niente.
Regalateci il rispetto, che è solo quello che conta. Proteggeteci da questo mondo, come solo voi uomini sapete fare e se non lo fate, e se proprio voi ci fate del male, chi dovrebbe difenderci?
Portateci via dalla paura di fidarci di voi, che il male è sempre dietro l’angolo e voi, dovreste soltanto darci amore.
#sanvalentino

L'immagine può contenere: fiore e candele

 

Rimpianti


Non rimpiango i soldi spesi in libri e in viaggi. Rimpiango un po’ quelli spesi in vestiti che non ho mai messo, solo perché non ne ho mai avuto l’occasione.
Non rimpiango i peccati di gola quando sono fatti in compagnia, quando il buon cibo ed il buon vino non sono altro che il degno sottofondo dello stare bene insieme. Rimpiango quelli fatti per noia, la portata in più ordinata per far passare il tempo a cena quando non ci si sa più cosa dire.
Non rimpiango il tempo trascorso con i miei genitori, anche quando fanno discorsi noiosi. Non rimpiango le ore rubate al sonno per aver parlato con un’amica.
Non rimpiango l’averci provato fino in fondo, l’aver inseguito cause perse. Rimpiango solo non aver capito in tempo il confine fra la speranza e l’ottuso farsi male.
Rimpiango le volte in cui ho pensato di non essere abbastanza, perché non saprò mai cosa sarebbe successo se avessi creduto in me un po’ di più.
Rimpiango le volte in cui non mi sono voluta bene, per non aver scelto prima ciò che era giusto per me, per non aver lottato abbastanza contro i “dovresti” e i “non va bene” per rendermi più felice.

Catherine Black