Karen Blixen*


Io conosco il canto dell’Africa, della giraffa e della luna nuova africana distesa sul suo dorso. Degli aratori nei campi e delle facce sudate delle raccoglitrici di caffè… Ma l’Africa conosce il mio canto?

 

 

 

 

Annunci

“Profumo di donna”


Le donne… Sai cosa ti dico? Chi le ha create… Dio deve essere proprio un genio. I capelli, i capelli sono tutto, lo sai: hai mai affondato il naso in una montagna di capelli sognanti? Di addormentartici sopra? O le labbra, quando toccano le tue come il primo sorso di vino dopo che hai attraversato il deserto… Le tette.. E le gambe, non importa che siano colonne greche o gambe di pianoforte, e quello che c’è in mezzo, il passaporto per il Paradiso… Si signor Simms, ci sono solo due sillabe sulla faccia di questa Terra che sono degne di ascolto… 

 

“In quel preciso momento”


«Scrivi, ti prego. Due righe sole, almeno, anche se l’animo è sconvolto e i nervi non tengono più. Ma ogni giorno. A denti stretti, magari delle cretinate senza senso, ma scrivi. Lo scrivere è una delle più ridicole e patetiche nostre illusioni. Crediamo di fare cosa importante tracciando delle contorte linee nere sopra la carta bianca. Comunque, questo è il tuo mestiere, che non ti sei scelto tu ma ti è venuto dalla sorte, solo questa è la porta da cui, se mai, potrai trovare scampo. Scrivi, scrivi. Alla fine, fra tonnellate di carta da buttare via, una riga si potrà salvare. (Forse)».

Dino Buzzati.

 

 

 

“Presagio”


Ecco il presagio, il nero presagio,
A parlarmi in silenzio di dolori da soffrire
Più dolenti di tutti i dolori già sofferti.
Il dolore, forse, di non sentire dolore mai più.

Non solo i dolori della carne. Non solo.
Né saranno dolori maggiori, estenuanti.
Sono dolori della mia anima che bela tremante.
Dolori che prima di dolere mi dolgono già qua e ora.

Di cosa in questa vita posso ancora dolermi?
Non mi fanno già male tutti i miei dolori?
E la ruota del dolore, per caso, si fermerà un giorno?
Per quale uomo vivo essa, stanca, si è fermata?

Questo timore presago che mi assale
Sarà quello di perdere l’ultimo, estremo, bene che ho.
La vita annidiata nel mio corpo,
Con il prodigio di godere e di soffrire.

Cos’è che temo, io che niente temo?
La solitudine, forse, di un’eternità futile e inutile?
Ma che! Ciò che mi annienta è il terrore
Di non essere più, di non stare mai più qua.

Tutti voi a vivere, figli di puttana. Solo io no.

Darcy Ribeiro*

Darcy Ribeiro, grande antropologo brasiliano, creatore dell’Università di Brasília, pedagogo e ideologo dell’America Latina, che a suo avviso sarebbe dovuta divenire la “Patria Grande”, ha cominciato a scrivere poesia alla fine della sua vita – è morto nel 1997. “Presagio” è una poesia in cui l’autore tratta dalla sua stessa morte imminente.

Poesie del disamore


Questa sera ritorno una donna nell’abito rosso
– non lo sanno che sono ora stesa qui nuda quegli uomini
che mi fanno i sorrisi per strada- ritorno vestita 
a pigliare sorrisi. Non sanno quegli uomini
che stasera avrò fianchi più forti, nell’abito rosso, 
e sarò un’altra donna. Nessuno mi vede qua giù:
e di là dalle piante ci sono sabbiatori più forti
di quegli altri che fanno sorrisi: nessuno mi vede.

Sono sciocchi gli uomini – stasera ballando con tutti 
io sarò come nuda, come ora, e nessuno saprà 
che poteva trovarmi qui da sola. Sarò come loro. 
Solamente, gli sciocchi, vorranno abbracciarmi ben stretta,
bisbigliarmi proposte da furbi. Ma cosa mi importa 
delle loro carezze? So farmi carezze da me. 
Questa sera dovremmo poter stare nudi e vederci
senza fare sorrisi da furbi. Io sola sorrido 
a distendermi qui dentro l’erba e nessuno lo sa.

Cesare Pavese*

 

 

“I HAVE A DREAM”


Oggi, amici miei, vi dico: anche se dobbiamo affrontare le difficoltà di oggi e di domani, io continuo ad avere un sogno.

E un sogno che ha radici profonde nel sogno americano.

Ho un sogno, che un giorno questa nazione sorgerà e vivrà il significato vero del suo credo: noi riteniamo queste verità evidenti di per sé, che tutti gli uomini sono creati uguali.

Ho un sogno, che un giorno sulle rosse montagne della Georgia i figli degli ex schiavi e i figli degli ex padroni di schiavi potranno sedersi insieme alla tavola della fraternità.

Ho un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, dove si patisce il caldo afoso dell’ingiustizia, il caldo afoso dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e di giustizia.

Ho un sogno, che i miei quattro bambini un giorno vivranno in una nazione in cui non saranno giudicati per il colore della pelle, ma per l’essenza della loro personalità.

Oggi ho un sogno.

Ho un sogno, che un giorno, laggiù nell’Alabama, dove i razzisti sono più che mai accaniti, dove il governatore non parla d’altro che di potere di compromesso interlocutorio e di nullification delle leggi federali, un giorno, proprio là nell’Alabama, i bambini neri e le bambine nere potranno prendere per mano bambini bianchi e bambine bianche, come fratelli e sorelle.

Oggi ho un sogno.

Ho un sogno, che un giorno ogni valle sarà innalzata, ogni monte e ogni collina saranno abbassati, i luoghi scoscesi diventeranno piani, e i luoghi tortuosi diventeranno diritti, e la gloria del Signore sarà rivelata, e tutte le creature la vedranno insieme.

Questa é la nostra speranza.

Questa é la fede che porterò con me tornan­do nel Sud.

Con questa fede potremo cavare dalla montagna della disperazione una pietra di speranza.

Con questa fede potremo trasformare le stridenti discordanze della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fraternità.

Con questa fede potremo lavorare insieme, pregare insieme, lottare insieme, andare in prigione insieme, schierarci insieme per la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi.

Quel giorno verrà, quel giorno verrà quando tutti i figli di Dio potranno cantare con un significato nuovo: “Patria mia, é di te, dolce terra di libertà, é di te che io canto.

Terra dove sono morti i miei padri, terra dell’orgoglio dei Pellegrini, da ogni vetta riecheggi libertà”.

E se l’America vuol essere una grande nazione, bisogna che questo diventi vero.

E dunque, che la libertà riecheggi dalle straordinarie colline del New Hampshire.

Che la libertà riecheggi dalle possenti montagne di New York.

Che la libertà riecheggi dagli elevati Allegheny della Pennsylvania.

Che la libertà riecheggi dalle innevate Montagne Rocciose del Colorado.

Che la libertà riecheggi dai pendii sinuosi della California.

Ma non soltanto.

Che la libertà riecheggi dalla Stone Mountain della Georgia.

Che la libertà riecheggi dalla Lookout Mountain del Tennessee.

Che la libertà riecheggi da ogni collina e da ogni formicaio del Mississippi, da ogni vetta, che riecheggi la libertà.

E quando questo avverrà, quando faremo riecheggiare la libertà, quando la lasceremo riecheggiare da ogni villaggio e da ogni paese, da ogni stato e da ogni città, saremo riusciti ad avvicinare quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, protestanti e cattolici, potranno prendersi per mano e cantare le parole dell’antico inno: “Liberi finalmente, liberi finalmente.

Grazie a Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente”.

M. L. King*