Benedette siano


Benedette siano le mutandine rosa a fiori delle donne i reggiseni di pizzo
i capezzoli non troppo grandi e non troppo rossi le labbra un po’ carnose e un po’ sporgenti con una morbidezza medio alta i denti bianchi  e l’alito buono.
benedette siano le mani che sanno toccare le pelli lisce le unghie non troppo lunghe gli occhi di ogni colore ma che ognuno possa avere quelle curve da renderli dolci anche quando sono tristii capelli sottili puliti i leggings e le rughe quelle formatesi affrontando la vita con audacia
benedette siano le gambe l’interno coscia tornitoi fianchi non troppo grandi la passione le notti romantiche le bottiglie di birra finite in allegria messe in fila sulle credenze i gesti concreti la presenza
e gli abbracci senza vuoti dentro benedetti siano gli uomini che credono nella fedeltà  e che sappiano emozionarsi 
benedette siano quelle persone che camminano con la sincerità nel cuore
che vanno verso chi li aspetta con entusiasmoe che trovino ..se non ce l’hanno ..un lavoro
benedetto sia  il ventre arrotondato di un ottavo nono mese con la sorpresa dentro e che se il fiocco dovesse essere blu invece di rosa o viceversa sia indifferentebasta che i genitori siano contenti.
Benedetti siano  coloro che fanno dell’esistenza  una preghiera
ma non una religione.

Ginanni Umberto

image

Annunci

FERITE E RIFIORITURE


Credevi di andartene, giovinezza

come un ospite ingrato

che esce da una casa senza salutare

come scompare la brina da un prato

di montagna col passare del mattino.

Invece ti ho ancora vicino.

Credevi di fare la furba, di fottermi

dopo avermi tanto piagato

con la tua nevrastenia torbida

con il tuo desiderio inappagato

con la tua timidezza vergine

che sempre mi storceva la bocca.

Invece sei ancora qui, nonostante

i capelli, i peli che appassiscono

le unghie che si sfarinano e cadono

le ossa che faticano, ti tocca

restare ancora con me.

Ramo d’ulivo, stelo di papavero

sei mistero, anima ,sorpresa

sei la bellezza vagabonda ,illusa,

piazze di una città sconosciuta

percorse all’alba in fretta senza meta.

Credevi di andartene, ma io

ti ospito troppo bene in un cuore

feroce e ragazzo, che niente ha domato,

che conosce troppo bene la tua carezza

e come rinasci fenice dalle tue ceneri.

Resta qui, che io ti veneri.

Giuseppe Conte

Risultati immagini per vecchiaia

 

Avvertimento


Quando sarò vecchia mi vestirò di viola con un cappello rosso che non si abbina e non mi dona. Sperpererò la pensione in brandy, guanti estivi e sandali in satin, dicendo che non me ne restano per comprare il burro. Mi siederò sul marciapiede quando sarò stanca sgraffignerò campioncini nei negozi e suonerò i campanelli farò rotolare il mio bastone sulle ringhiere dei palazzi mi truccherò per riscattare la sobrietà degli anni verdi. Uscirò in ciabatte nella pioggia raccoglierò fiori nei giardini altrui e imparerò a sputare. Si potrà indossare orribili camicie e ingrassare mangiare tre chili di salsicce in una volta o solo pane e sottaceti per una settimana ammassare penne, matite, sottobicchieri e cianfrusaglie nelle scatole. Purtroppo ora ci tocca vestirci per mantenerci asciutte e pagare l’affitto e non bestemmiare per strada e dare il buon esempio per i figli. Avere amici a cena e leggere i giornali. Ma non posso impratichirmi già un po’ ora? Così chi mi conosce non rimarrà scioccato quando improvvisamente invecchierò, e vestirò di viola”
 Jenny Joseph

Risultato immagine per Quando sarò vecchia mi vestirò di viola con un cappello rosso

Io non ho capito


Io non ho capito e dovrei,non ho capito il mondo della vita, io non ho capito la legge sottostante e non ho da fare la consegna a questi eredi cuccioli che aspettano, che esigono da me l’aver capito.

Io non so la canzone che spensiera e non so soccorrervi non so pur volendolo con quella forza di cagna che dà il latte, non so soccorrervi nel vostro sbando, io non so farvi un canto della guarigione, non so farvi da balsamo                     
io non so mettervi nel coraggio essenziale,nello slancio, nel palpito.

Il mio Graal l’ho ritrovato e perso cento volte.

Io non so se la bellezza è questa accademia di centimetri, se la bellezza, la bellezza è questa
carnevalesca decadenza di saltimbanchi, io non mi spiego la crocifissione della grazia, e non mi spiego perchè mi trovo qui, in questo covo rivoltato in questa fossa con gli orchi attuali
in questo lato barbarico della specie, e non so perchè stando ad occidente non si ode quell’alleluia delle cose.
Io non so se in questa schiena senza ali ci sono grandi pianure da cui fare il decollo, se in questa spina dorsale ci sono istruzioni per la manovra di decollo, se sono io la freccia
di questo arco della schiena, se sono io arco e freccia, non so in quale mano non mano o zampa di Dio mi stanno torchiando, e sottoponendo al duro allenamento dei dolori terrestri.

E’ poco il poco che so e di questo poco io chiedo perdono. Io chiedo perdono per quello che so, perdono io chiedo per tutto quello che so.

Mariangela Gualtieri

 

Sono qui


Sempre questa sensazione di inquietudine
Di attesa d’altro.
Oggi sono le farfalle e domani sarà la tristezza inspiegabile,
la noia o l’ansia sfrenata di rassettare questa o quella stanza,
di cucire, andare qua e là a fare commissioni,
e intanto cerco di tappare l’Universo con un dito,
creare la mia felicità con ingredienti da ricetta di cucina,
succhiandomi le dita di tanto in tanto,
di tanto in tanto sentendo che mai potrò essere sazia,
che sono un barile senza fondo,
sapendo che “non mi adeguerò mai”,
ma cercando assurdamente di adeguarmi
mentre il mio corpo e la mia mente si aprono,
si dilatano come pori infiniti
in cui si annida una donna
che avrebbe voluto essere uccello, mare, stella,
ventre profondo che dà alla luce Universi splendenti stelle nuove…
e continuo a far scoppiare palamitas nel cervello,
bianchi bioccoli di cotone,
raffiche di poesie che mi colpiscono tutto il giorno
e mi fanno desiderare di gonfiarmi come un pallone per contenere
il Mondo, la Natura, per assorbire tutto e stare
ovunque, vivendo mille e una vita differente…

Ma devo ricordarmi che sono qui e che continuerò
ad anelare, ad afferrare frammenti di chiarore,
a cucirmi un vestito di sole,
di luna, il vestito verde color del tempo
con il quale ho sognato di vivere
un giorno su Venere.

 GIOCONDA BELLI

Gli occhi di quando ero bambina


Gli occhi di quando ero bambina non li ho persi mai e provo a regalarli a chi vuole il mio sguardo. Chi non lo vuole può non prenderselo ma non potrà fare mai nulla per togliermelo. È questa la magia! Buon viaggio, cuori imbattibili! Forse la vera favola nella vita è proprio questa: se il lieto fine non c’è quasi mai, ci regaleremo sempre nuovi inizi.
Massimo Bisotti