A Natale siamo tutti più buoni???


Non è vero che a Natale siamo tutti più buoni, alcuni semplicemente sono più ipocriti del solito. Essere se stessi tutti i giorni dell’anno è il miglior dono che possiamo fare.
Silvana Stremiz

Annunci

Se amare….


Se amare una persona significa lasciare che sia se stessa, lasciarla in pace, sostenerla nel suo cammino, lasciare che cambi ciò che vuole cambiare rispettando i suoi tempi e i suoi modi, beh, allora sono pochissime le persone che sanno amare!
Molte persone dicono di amarti, ma in realtà ti stanno dando la mela rossa.
Quando Biancaneve mangia la mela rossa, non muore.
Si addormenta.
Molte persone che dicono di amarti ti offrono questo amore che è come la mela rossa di Biancaneve: tu la prendi, la mordi, attratta da tanta bellezza rossa, lucida, tonda, e non ti accorgi che pian piano sparisci, ti annulli, diventi una sonnambula.
Vivi la tua vita addormentata.
Non è amore questo.
È la mela rossa.

 Fabio Volo

1

Sono qui


Sempre questa sensazione di inquietudine
Di attesa d’altro.
Oggi sono le farfalle e domani sarà la tristezza inspiegabile,
la noia o l’ansia sfrenata di rassettare questa o quella stanza,
di cucire, andare qua e là a fare commissioni,
e intanto cerco di tappare l’Universo con un dito,
creare la mia felicità con ingredienti da ricetta di cucina,
succhiandomi le dita di tanto in tanto,
di tanto in tanto sentendo che mai potrò essere sazia,
che sono un barile senza fondo,
sapendo che “non mi adeguerò mai”,
ma cercando assurdamente di adeguarmi
mentre il mio corpo e la mia mente si aprono,
si dilatano come pori infiniti
in cui si annida una donna
che avrebbe voluto essere uccello, mare, stella,
ventre profondo che dà alla luce Universi splendenti stelle nuove…
e continuo a far scoppiare palamitas nel cervello,
bianchi bioccoli di cotone,
raffiche di poesie che mi colpiscono tutto il giorno
e mi fanno desiderare di gonfiarmi come un pallone per contenere
il Mondo, la Natura, per assorbire tutto e stare
ovunque, vivendo mille e una vita differente…

Ma devo ricordarmi che sono qui e che continuerò
ad anelare, ad afferrare frammenti di chiarore,
a cucirmi un vestito di sole,
di luna, il vestito verde color del tempo
con il quale ho sognato di vivere
un giorno su Venere.

 GIOCONDA BELLI

Gli occhi di quando ero bambina


Gli occhi di quando ero bambina non li ho persi mai e provo a regalarli a chi vuole il mio sguardo. Chi non lo vuole può non prenderselo ma non potrà fare mai nulla per togliermelo. È questa la magia! Buon viaggio, cuori imbattibili! Forse la vera favola nella vita è proprio questa: se il lieto fine non c’è quasi mai, ci regaleremo sempre nuovi inizi.
Massimo Bisotti

 

Innamorati..


Innamorati di una persona che al mattino ti chiede come stai, che ti da il buongiorno e non si dimentica che ci sei. Che quando apre gli occhi sei il primo pensiero, perché per lei la cosa più importante è che tu stia bene.
Innamorati di una persona che ti bacia all’improvviso, senza un motivo, per avere ogni volta l’emozione di un amore che sorprende. Qualcuno che usa gli abbracci invece delle parole quando sei triste, e che, invece dei consigli usa il battito del suo cuore per calmarti.
Innamorati di una persona che ti prende in giro, una persona che ama ridere più che sorridere.
Innamorati di una persona che ami la tua libertà, la tua indipendenza e che rispetti le tue scelte.
Innamorati di una persona che abbia il miglior odore dell’universo, quello che riconosceresti ovunque, quello unico che solo tu puoi apprezzare. Quell’odore tanto simile alle emozioni.
E soprattutto se non lo trovi, ama la vita ma non accontentarti di un amore mediocre.

web

 

Le parole che non ti ho detto


Com’è difficile a volte farsi comprendere, anche da chi ci ama di più. Com’è difficile tirare fuori tutte quelle cose che ci fanno star male e riuscire a vomitare tutte le parole che ci vagano dentro, aspettando di trovare il coraggio per farsi ascoltare. Com’è difficile riuscire a comunicare senza ferire e senza ferirsi, trovare il modo giusto, nonostante la paura di essere fraintesi, di non essere davvero capiti, di essere giudicati. Com’è difficile, a volte, non piangere mentre ci si mette, inevitabilmente, a nudo, parlando di sé.
E com’è difficile accettare che non tutto si può dire, che si può essere sinceri ma fino ad un certo punto, che forse bisogna abituarsi a convivere con un piccolo groppo in gola, con un mucchio di parole che di venire fuori proprio non ne vuole sapere.
E tutto quello che non riusciamo ad esprimere si deposita lì, in un angolo nascosto dell’anima…

Laura Messina

SONO UN GROVIGLIO


Sono un groviglio
di contraddizioni,
mescolo la rabbia con i sogni
i sogni con la speranza
l’amore con il desiderio
la delusione con la determinazione
il pianto con una sana risata.
Lancio un sasso e nascondo la mano
per tirarle fuori entrambe.
Sono un groviglio di tutto
nel mio essere donna
madre, compagna, amante, amica
con tutta la mia luce
e con tutta la mia oscurità.
Sono un bagaglio di vissuto
di lividi nascosti sotto pelle
di battiti improvvisi soffocati
di sogni sognati caduti a terra
prima di prendere il volo.
Di traguardi raggiunti, di fallimenti
di rabbia uccisa
di momenti di sì e momenti no.
Sono un groviglio di donna
di passione, amore
di odio, di indifferenza.
Sono schiva e solare
rido e piango con la stessa forza
sono mare in tempesta
onda calma che abbraccia
passione che travolge.
Troppo presente, troppo assente
troppo vicina, troppo lontana
ma se non mi trovi è solo perché
non hai allungato la mano.
Gioco in difesa
ma senza armi d’attacco,
mi arrendo davanti a un sogno
e so ascoltarne i battiti
perché vivo di quei “battiti”.
Silvana Stremiz