Amicizia


Non posso darti soluzioni per tutti i problemi della vita,
Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori,
però posso ascoltarli e dividerli con te.
Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro,
però quando serve starò vicino a te.
Non posso evitarti di precipitare, solamente posso offrirti la mia mano perché ti sostenga e non cada.
La tua allegria, il tuo successo e il tuo trionfo non sono i miei,
però gioisco sinceramente quando ti vedo felice.
Non giudico le decisioni che prendi nella vita,
mi limito ad appoggiarti, a stimolarti e aiutarti se me lo chiedi.
Non posso tracciare limiti dentro i quali devi muoverti,
però posso offrirti lo spazio necessario per crescere.
Non posso evitare la tua sofferenza, quando qualche pena ti tocca il cuore,
però posso piangere con te e raccogliere i pezzi per rimetterlo a nuovo.
Non posso dirti né cosa sei né cosa devi essere,
solamente posso volerti come sei ed essere tuo amico.
In questo giorno pensavo a qualcuno che mi fosse amico,
in quel momento sei apparso tu…
Non sei né sopra né sotto né in mezzo, non sei né in testa né alla fine della lista.
Non sei né il numero uno né il numero finale e tanto meno ho la pretesa
di essere io il primo, il secondo o il terzo della tua lista.
Basta che tu mi voglia come amico.
Poi ho capito che siamo veramente amici.
Ho fatto quello che farebbe qualsiasi amico:
ho pregato e ho ringraziato Dio per te.
Grazie per essermi amico.

Jorge Luis Borges

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono, persone in piedi e cappello

Fisica della malinconia


Col tempo gli amici scompaiono nei modi più diversi. Alcuni all’improvviso, come se non fossero mai esistiti. Altri gradualmente, con imbarazzo, con scuse. Smettono di telefonare. Dapprima non capisci. Poi controlli se non si è scaricata la batteria del cellulare. Mancanza acuta alle cinque del pomeriggio. All’inizio si protrae per circa un’ora, poi per meno. Ma non scompare mai del tutto. Come con le sigarette, che hai abbandonato da anni, ma che continui a sognare.”

Georgi Gospodinov

 

 

 

I bambini imparono ciò che vivono


Se un bambino vive nella critica impara a condannare.

Se un bambino vive nell’ostilità impara ad aggredire.

Se un bambino vive nell’ironia impara ad essere timido.

Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole.

Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente.

Se un bambino vive nell’incoraggiamento impara ad avere fiducia.

Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia.

Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere una fede.

Se un bambino vive nell’approvazione impara ad accettarsi.

Se un bambino vive nell’accettazione e nell’amicizia impara a trovare l’amore nel mondo.

Doret’s Law Nolte

 

occhietti:

Non importa chi tu sia: uomo o donna, vecchio o bambino, operaio o contadino, o soldato o studente o commerciante.Non importa quale sia il tuo credo religioso.Se ti chiedono qual è la cosa più importante per l’umanità, rispondi prima dopo e sempre: la pace!-  Li Tien Min