Accetta il consiglio.


Godete del potere e della bellezza della vostra gioventù senza pensarci.

Oppure pensateci (tanto è lo stesso).

Bellezza e gioventù le capirete solo una volta appassite, dicono i saggi.

Ma non vi illudete troppo.

Tra vent’anni guarderete le vostre vecchie foto come dei santini: le adorerete in ginocchio.

Non preoccupatevi del futuro, oppure preoccupatevene, fate voi.

Fate una cosa quando siete spaventati. Cantate.

Il canto è esistenza.

Non siate crudeli oppure siatelo ma solo un pochino.

Non perdete tempo con l’invidia.

Ricordate tutti i complimenti che ricevete.

Scordate gli insulti ma non tutti.

Conservate quello che vi è piaciuto di più.

Non sentitevi in colpa se non sapete cosa fare della vostra vita.

Le persone più interessanti che conosco,

a ventidue anni non sapevano che fare della propria.

Ma anche dopo.

Manlio Sgalambro

I papaveri sussurrano al tramonto


Quest’anno il mio pensiero va agli amori imperfetti. A quelli senza rose rosse ma con le primavere nascoste dentro. Agli amori sbagliati che la vita corregge ogni giorno con la penna rossa. Agli amori troppo lontani che insistono a raggiungersi. A quelli impossibili che moriranno piccoli, aspri e acerbi. Agli amori assaggiati una volta soltanto e desiderati per sempre. A quelli nascosti che il segreto protegge e difende. Agli amori partiti male e mai arrivati da nessuna parte. A quelli tormentati, insultati, diversi. Agli amori strappati e a quelli che si lasciano rubare.

A quelli sognati o soltanto vissuti male. Agli amori difficili che all’improvviso non si sanno più spiegare. A quelli che bruciano forte ma senza fare mai calore. Agli amori sopravvissuti che insegnano a sperare. A quelli abbandonati e sussurrati in riva al mare.

 Wanda Lamonica

Risultati immagini per papaveri