Dopo di me, basta.

Tutto ho raccolto di te: briciole, frammenti, polvere, tracce, supposizioni,  accenti restati in voci altrui, qualche grano di sabbia, una conchiglia,  il tuo passato immaginato da me, il nostro supposto futuro,  ciò che avrei voluto da te, ciò che mi avevi promesso, i miei sogni infantili, l’innamoramento che bambina sentii per mio padre,  certe sciocche rime della mia giovinezza, un papavero sul ciglio di una strada polverosa.
Anche quello ho messo in tasca, sai?
Non so se tu hai messo il tuo seme dentro di me o viceversa.
Ma no, nessun seme di noi è mai fiorito.
Ciascuno è solo se stesso, senza la trasmissione di carne futura,  e io soprattutto senza qualcuno che raccoglierà la mia angoscia.
Tutte le ho girate queste isole, tutte cercandoti.
E questa è l’ultima, come io sono ultima.
Dopo di me, basta. Chi ti potrebbe cercare ancora se non io?

Antonio Tabucchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...