Permettimi d’essere triste


Permettimi d’essere triste
sotto i tuoi occhi, le stelle.
Forse non vedono che sono triste,
ché la conchiglia della luna è voltata dall’altra parte
e non ascolta i miei discorsi.
Di giorno, certo, la fronte del sole
non medita su me che m’imbrunisco –
permettimi d’essere persa del tutto
nei cespugli della malinconia.

Christine Lavant