Sicilia luntana.



Comu ti chianciu
ora ca ti persi
Sicilia sfurtunata,
ca veniri nun pozzu
a vidiri la genti
di la me’ terra;
e li centu paisi,
e li milli jardini,
e l’occhi lustri
di la picciuttanza;
e li facci scavati
e nivuri di lu suli
di li vecchi jurnateri,
e l’occhi funni,
e li capiddi scioti
di lacrimanti matri
sutta nivuri scialli
all’antu di li porti
c’aspettanu li figghi.

Comu ti chianciu
terra mia luntana.

Ignazio Buttitta 

 

 

 

 

Annunci

Le rose che non colsi.


Il mio sogno è nutrito d’abbandono,
di rimpianto. Non amo che le rose
che non colsi. Non amo che le cose
che potevano essere e non sono state…
Vedo la casa; ecco le rose
del bel giardino di vent’anni or sono!

Guido Gozzano (da Cocotte)

 

 

Prima di tutto l’uomo.


Non vivere su questa terra e come un vagabondo sognatore.Vivi in questo mondo come nella casa di tuo padre: credi al grano, alla terra, al mare,ma prima di tutto credi all’uomo.
Ama le nuvole, le macchine, i libri,ma prima di tutto ama l’uomo.Senti la tristezza del ramo che secca,dell’astro che si spegne,dell’animale ferito che rantola,ma prima di tutto senti la tristezza e il dolore dell’uomo.
Ti diano gioia tutti i beni della terra:l’ombra e la luce ti diano gioia,le quattro stagioni ti diano gioia,ma soprattutto, a piene mani,ti dia gioia l’uomo!
Nazım Hikmet  (lettera al figlio)