Forse a volte ho amato per amarmi di più.


Forse a volte ho amato per amarmi di più, per ottenere un riscatto.Quelle volte in cui mi veniva negato tutto, in cui venivo maltrattata, mandata via, sfruttata, toccata per sbaglio per troppo vino, per troppa noia…quelle volte, che succede?Forse dopo un po’ l’amore cessa di essere amore, quando è rifiutato.Forse diventa voglia di dimostrare qualcosa, di far capire che meglio di noi non ama nessuno, che meglio di noi non si concede nessuno, che nessuno è così simpatico, così dolce, così spericolato, così sveglio, così attento.Forse diventa desiderio di conquista, di rivalsa, diventa un’ impresa, una sfida, una guerra con noi stessi.“Perché non mi vuole, perché?”Non sono lucida, non ero lucida nel combattimento.Impossibile capire che non serve a niente essere la più bella, la più sensuale, la più profumata, la più sensibile, la più “uomo”, la “migliore amica”, la più brava a cucinare, la più preparata su tutti gli interessi dell’ altra persona, la più libertina, la più comprensiva, la più innamorata.Niente serve a niente per essere amati, se non l’ amore.Forse a volte tutto quel mio amore non corrisposto, quelle sere passate a mangiare la mia dignità come fosse un grande piatto di spaghetti al pomodoro, quei messaggi pieni di richieste di attenzione, forse a volte tutto quel mio amore non era amore, era solo insicurezza vestita a festa.

Susanna Casciani*