“Na vorta”

‘Na vorta a Roma mia

se campava co’ du’ spicci.
Se cantava in ogni via
pe’ da’ sfogo a li capricci.

‘Na vorta a ‘sta città
nun mancava mai er fiato.
Je serviva pe’ canta’ 
storie e amori der passato.

‘Na vorta in fondo ar còre
de poeti e borgatari
c’era er tipico rumore
dei quartieri popolari.

‘Na vorta, io ve dico,
nella nostra cittadina, 
er quartiere t’era amico
da Testaccio a Tiburtina.

‘Na vorta c’era gente
co’ la polvere su ‘e dita
e piagneva soridente
sempre in lotta co’ la vita.

‘Na vorta, tempo addietro,
questa società romana
era chiara come vetro,
forte come tramontana.

‘Na vorta, tempo fa,
Arvaro Amici e Gabriella
te facevano casca’
tra le braccia de ‘na stella.

‘Na vorta a Roma mia
je bastava solo er sole
pe’ esse piena de poesia,
senza tutte ‘ste parole.

Inumi Laconico*

 

Una risposta a "“Na vorta”"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...