Mi piace la gente sincera e franca @


Mi piace la gente sincera e franca, capace di opporsi con argomenti sereni e ragionevoli.
Mi piace la gente di buon senso, quella che non manda giù tutto, quella che non si vergogna di riconoscere che non sa qualcosa o si è sbagliata. Mi piace la gente che, nell’accettare i suoi errori,si sforza genuinamente di non ripeterli.
Con gente come questa mi impegno a qualsiasi impresa, giacché per il solo fatto di averla al mio fianco mi considero ben ricompensato.
Mario Benedetti

 

Messina in tavola _ I Pituni


 Ingredienti x 4/6 persone :

Farina 1 Kg.; 

1 panetto di lievito di birra;

1 cucchiaio di olio;

Sale q.b.

Per il ripieno :

1 scarola;

Formaggio fondente 250 g;

Pomodori pelati a dadini 500 gr.;

Acciughe salate;

Sale e Olio q.b..

Questa è una ricetta tipica della rosticceria messinese e ve la propongo.

In una scodella, meglio di plastica che abbia il coperchio, mettere la farina, il lievito di birra sciolto in acqua fredda, il cucchiaio di olio e il sale. Impastare aggiungendo acqua in modo che il composto diventi elastico e si stacchi facilmente dai bordi della scodella. Coprire e lasciare lievitare la pasta per circa due ore. Nel frattempo preparare la scarola lavandola ben bene e asciugandola completamente. Tagliare il formaggio, aggiungere i pomodori pelati a dadini e mettere il tutto in una insalatiera condendo con un poco di olio extra vergine di oliva e salando q.b._ Amalgamare delicatamente. Preparare le acciughe liberandole dal loro olio o dal sale. Con l’impasto formare dei dischetti spianando con il mattarello, mettere il ripieno e un pezzetto di acciuga, chiuderli bene aiutandosi con una forchetta oppure utilizzare le forme in plastica per una chiusura ermetica (il ripieno non deve fuoriuscire durante la frittura) e friggerli in olio ben caldo. Appena dorati “i pituni” vanno scolati e serviti subito ben caldi. 

Buonissimi   e buon appetito !

Messina in tavola_ Parmigiana di melanzane


Ingredienti x 4 – 6 persone :
Melanzane 1 kg; 1 Cipolla media; Salsa di pomodoro 500 gr.; Formaggio grattugiato 200 gr; Pangrattato 150; gr.1 Mozzarella 200 gr.; Prosciutto cotto 100 gr.;Olio per friggere; Sale e Pepe q.b.; basilico.

Dopo avere scolato ed asciugato le melanzane tagliarle nel verso della lunghezza e friggerle in abbondante olio e quando si saranno dorate, colarle e sistemarle su carta assorbente in un piatto di portata. Nella stessa padella di frittura soffriggere la cipolla e aggiungere la salsa di pomodoro, cuocere per circa 20 minuti. Disporre le melanzane allineate sul fondo di una pirofila asciutta formando un primo strato, bagnare con la salsa di pomodoro, aggiungere alcune foglioline di basilico tagliuzzate, un po’ di  formaggio grattugiato, parte del prosciutto tagliato a strisce,  una metà di mozzarella ben asciugata e tagliata a pezzetti, spolverare con pangrattato, salare e pepare q.b.; coprire con un secondo strato di melanzane e ripetere l’operazione con l’aggiunta di tutti gli ingredienti; ricoprire, infine, con un altro strato di melanzane. Infornare a temperatura media per circa 10 minuti. Lo strato superiore della parmigiana, a fine cottura, deve apparire compatto e ben dorato. Guarnire con foglie di basilico. La parmigiana va servita calda o fredda secondo le preferenze. Buon appetito!

 

 

 

♥ L’amore ♥


L’amore

Ti sei mail chiesto cos’è l’amore? Profondamente, silenziosamente, intimamente, nel tuo cuore? Forse in una sensazione di un istante, che molti chiamano emozione, ma l’amore che cos’è? L’amore è l’alito di vento che ti accarezza sulla vetta della cima di una montagna? L’amore è la sensazione di speranza di fronte ad una preghiera? L’amore è quella infinita pace di una carezza? L’amore… è il calore di un abbraccio sincero? l’amore è il dolce profumo di un bacio appassionato?  

L’amore, cos’è l’amore?

In un attimo tutto si crea con l’amore ed in un secondo tutto si trasforma. L’amore da luce ai giorni tutti uguali, e’ un barlume di gioia nei sorrisi dei bambini, è un istante e l’eternità racchiusa in esso. L’amore è un sogno, la luce accesa del focolare in una casa in campagna, è un libro di poesie tra le ginocchia, è una ninnananna della sera, è il primo incontro degli innamorati, è il pudore di un bacio sotto il lampione. Attimi di eterno racchiusi in un unico, splendido messaggio: l’amore.

 ” Forse ciò che rende unico l’amore è questo suo inafferrabile morire e rivivere ad ogni istante.”

Juan Baladán Gadea, dal libro “Di solitudine e amore”.

 

 

 

Il Passato@


Per me ogni oggetto del passato è sacro. Il passato mi incuriosisce più del futuro. E non mi stancherò mai di sostenere che il futuro è un’ipotesi, una congettura, una supposizione. Cioè una non realtà. Tutto al più, una speranza alla quale tentiamo di dare corpo con i sogni e le fantasie. Il passato invece è una certezza, una concretezza, una realtà stabilita. E poi ogni oggetto sopravvissuto al passato è prezioso perché porta in sé un’illusione di eternità…. Perché rappresenta una vittoria sul tempo, che logora e appassisce e uccide. Una sconfitta della morte.

O. Fallaci* 

 

Saggezza indiana@


Non capisco perché non si faccia nulla per la mia gente. Ho sentito parlare e parlare. Ma nulla è stato fatto. Le buone parole non durano a lungo, a meno che non producano qualche effetto. Le parole non pagano per la mia gente morta. Non pagano per il mio paese, invaso dagli uomini bianchi. Non proteggono la tomba di mio padre. Non pagano per i miei cavalli né per il mio bestiame. Le buone parole non mi restituiranno i miei figli. Le buone parole non daranno alla mia gente la salute o faranno sì che non muoia più. Le buone parole non daranno alla mia gente una casa dove poter vivere in pace e prendersi cura di sé. Sono stufo di sentire buone parole che non portano a nulla. Il mio cuore diventa triste quando ricordo tutte le belle parole e le promesse che non sono state mantenute.

Chief Joseph* (Capo Giuseppe )