Charles Bukowski *


Come può dirvi chiunque, non sono un tipo gradevole: non so nemmeno cosa vuol dire. Ho sempre ammirato i cattivi, i fuorilegge, i figli di puttana. Non mi piacciono gli uomini perfettamente rasati, con la cravatta e un buon lavoro. Mi piacciono gli uomini disperati, con i denti rotti, il cervello a pezzi e una vita che fa schifo. Sono loro che mi interessano. Sono pieni di sorprese. Ho anche un debole per le donnacce, quelle che si ubriacano e bestemmiano, che hanno le calze molli e il trucco sbavato. Mi interessano di più i pervertiti che i santi. Mi rilasso con gli scoppiati perché anche io sono uno scoppiato. Non mi vanno le leggi, la morale, le religioni, le regole. Non mi va di essere plasmato dalla società.

Charles Bukowski

 

Sta per finire quest’anno…..


Sta per finire quest anno…

L’anno vecchio se ne va e mai più ritornerà, io gli ho dato una valigia di capricci e impertinenze, di lezioni fatte male, di bugie e disubbidienze, e gli ho detto “porta via questa è tutta roba mia”. Anno nuovo avanti avanti, ti fan festa tutti quanti, tu la gioia e la salute porta ai cari genitori, ai parenti e agli amici rendi lieti tutti i cuori, d’esser buono ti prometto anno nuovo benedetto.

(Anonimo)

Anno vecchio


Il vecchio anno è ormai sul finire,ha fatto fagotto e sta per partire.
Lo sostituisce un anno bambino,nuovo di zecca e un po’ birichino.
Tante giornate ancora da venire trecentosessanta cinque notti
per poter dormire. Un anno carico 
di letizia o di dolore? Di tristezza, di gioia o di tanto amore?
Lo sapremo solo l’anno venturo. Non si può prevedere cosa cela il futuro.
Ma il nuovo anno è un bimbo piccino, 
con tanta speranza nel suo cuoricino.